I cambiamenti del mercato dopo il Decreto BIM

Il Decreto Ministeriale n. 560/17, c.d. Decreto BIM, prevede l’adozione obbligatoria del metodo BIM per gli appalti di opere pubbliche secondo scadenze prestabilite, ed è stato aggiornato dal Decreto Ministeriale n. 312 del 2 agosto 2021. Com’è facile immaginare, i cambiamenti del mercato previsti dal Decreto BIM stanno creando opportunità lavorative per tutti i profili di Esperto BIM.

La pubblicazione di questi decreti si inserisce nel processo avviato da tempo dai normatori europei e nazionali per l’ammodernamento del comparto edilizio in cui vengono introdotte prescrizioni per la semplificazione e digitalizzazione dell’attività della pubblica amministrazione.
Scarica qui l’Hand Book sul BIM pubblicato da EU BIM Task Group

Entrando nel merito del D.M. 312/21, nel confermare l’importanza della transizione digitale che il nostro mercato sta attraversando, il D.M. ha introdotto anche una serie di modifiche per le stazioni appaltanti pubbliche. In sintesi, in questo ultimo decreto:

  • è chiarito il significato di alcune definizioni del D.M. 560/17
  • viene chiarita le definizione e modificato il contenuto dell’Atto Organizzativo
  • si chiarisce l’uso facoltativo del BIM per le Stazioni Appaltanti
  • sono riviste alcune scadenze per l’obbligatorietà del BIM
  • viene modificata la definizione di Capitolato informativo
  • è approfondito il riferimento normativo di alcune specifiche tecniche
  • sono previsti dei punteggi premiali per l’uso del BIM

Quali opportunità per la tua professione?

Il CDE Manager

Secondo le best practice dovrebbe essere il committente a fornire e gestire l’ACDat (CDE) per lo scambio del contenuto informativo relativo al progetto. Questo aumenta le probabilità che questa figura, nel prossimo futuro, sarà ricercata da chi potrà affidare incarichi di progettazione e costruzione in BIM: Stazioni Appaltanti pubbliche (gestori e Owner delle infrastrutture), General Contractor e società di Asset e Facility Management.

In più, la figura del Data Manager sarà richiesta da tutte quelle aziende che abbiano necessità di gestire una grande mole di dati, con competenze di data analisys e cyber security.

Il BIM Manager

Questa figura ha un ruolo chiave nell’implementazione e gestione del BIM. 

Dai Progettisti ai Costruttori, ai Gestori privati alle Pubblica Amministrazione, fino alle aziende di Facility Management, c’è la necessità di avere in staff una figura che centralizzi e regolamenti i processi impattati dal BIM, che abbia tutte le competenze necessarie ad analizzare il livello di maturità digitale e prevedere gli opportuni investimenti inquadrandoli in un piano di sviluppo strategico aziendale.

Il BIM Coordinator

Dove c’è un progetto in BIM c’è almeno un BIM Coordinator. Le società di Progettazione, e ancor di più le imprese di Costruzione che gestiscono molti progetti contemporaneamente, hanno bisogno di un referente per la singola commessa che sia in grado di coordinare le risorse operative (BIM Specialist) e le linee guida aziendali sviluppate dal BIM Manager.  

Il BIM Coordinator è il referente principale del committente, rivestendo il ruolo da Project Manager o RUP a seconda del tipo di azienda in cui si trova ad operare.

Il BIM Specialist

Questa figura ha una notevole diffusione lungo tutta la filiera del BIM. È necessaria una competenza disciplinare specifica per poter modellare in BIM, ragion per cui ogni team di modellazione, per quanto un edificio sia piccolo o un intervento limitato, deve essere composto da almeno 3/4 specialist con competenze diverse – fino ad arrivare a team dove ogni disciplina ha un numero pari (12-18 Specialist). Questo vale anche per le Imprese di Costruzione che devono realizzare gli As built e per la Pubblica Amministrazione, che a sua volta dovrà realizzare i modelli As is da mettere a base di gara. 

Basta fare un rapido conteggio per capire il volume di risorse che il mercato chiederà nei prossimi anni!

Per approfondire le caratteristiche, i compiti e le competenze di ciascun profilo BIM secondo la norma UNI 11337-7, consulta qui la nostra Guida ai Profili BIM!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.